L’antropologa criminale russa Pauline Tarnowsky, ritratta a San Pietroburgo alla fine dell’Ottocento.

Fotografo non identificato, stampa all’albumina incollata su cartoncino

 

Pauline Tarnowsky nel 1889 pubblica il primo studio al mondo dedicato alla delinquenza femminile. Lombroso vi si ispira per il trattato “La donna delinquente, la prostituta e la donna normale”, che pubblica con Guglielmo Ferrero nel 1893.

Tarnowsky mantiene un rapporto di collaborazione e scambio con lo scienziato veronese, inviandogli molte fotografie di donne criminali russe, presenti nel fondo archivistico.

La fotografia riporta la dedica di Pauline Tarnowsky a Nina, moglie di Lombroso, “A la chère, charmante et très aimable Madame Nina Lombroso, souvenir affectueux P. Tarnowsky. St. Petersbourg, 19 Novembre 1891”.