in partenza dal Cremlino.

Autore sconosciuto, stampa ai sali d’argento su cartoncino.

Nel 1897 Cesare Lombroso, all’età di sessantadue anni, si reca a Mosca per partecipare al XII Congresso internazionale di medicina, dove il 14 agosto tiene una relazione sulle recenti conquiste della psichiatria. L’interesse che oggi riveste la presenza del padre dell’antropologia criminale nell’impero russo è legato soprattutto al breve periodo in cui l’italiano, concluse le fatiche congressuali, soggiornò a Jàsnaja Poljàna, ospite di Lev Tolstoj.

Nella fotografia Lombroso è ritratto su una carrozza in partenza dal Cremlino, come da nota sulla fotografia. L’immagine gli viene donata il 29 aprile 1906 dal neuropsichiatra russo Grigory Ivanovich Rossolimo, in occasione della sua venuta a Torino per il VI Congresso di Antropologia criminale.

Rossolimo nella dedica scrive: Al caro ed illustrissimo Maestro, il S. Prof. Cesare Lombroso, con auguri cordiali un poco ritardati per occasione della revoluzio (si intende la rivoluzione russa del 1905).