Coppia di donne omosessuali, ante 1893.

Giuseppe Vanetti, albumina incollata su cartoncino prestampato.

Quest’immagine è stata riprodotta nelle pagine dedicate alla degenerazione sessuale del libro del 1893 di Lombroso e Ferrero La donna delinquente, la donna normale e la prostituta. A tale proposito Lombroso scrive: “Del resto per mostrare quanto qui influisca la virilità, basterebbe questa fotografia di una coppia che ho sorpreso in un carcere, in cui la vestita da maschio aveva il massimo dei caratteri maschili e dei criminali insieme (…) sicché si stenta a crederla donna”.

Questa e altre fotografie di soggetti femminili criminali venivano raccolte da Lombroso per essere usate a sostegno della sua tesi che vedeva nelle donne delinquenti la tendenza a mascolinizzarsi.

Sul retro della fotografia si legge: Vittorio Emanuele II Re D’Italia Premio di Pittura, G. Vanetti, Pittore e Fotografo, 7, Piazza Vittorio Emanuele 1°, N°7. 2, Via Barolo 2. E’ presente il timbro “Laboratorio di Medicina Legale della R. Università di Torino Diretto dal Prof. Lombroso”.