Comba Francesco, detto Malicennau, Cagliari, fine Ottocento-inizio Novecento.

Efisio Murgia, stampa all’albumina.

Questo ragazzino fa parte dei cosiddetti picciocus de crobi di Cagliari (che in dialetto sardo campidanese significa letteralmente “i ragazzi della cesta”), cioè bambini e adolescenti spesso senza famiglia o abbandonati, scalzi, mal vestiti e denutriti, che tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento erano portati a delinquere proprio per le loro difficili condizioni di vita.

L’immagine appartiene a una serie di 275 fotografie presenti in Archivio dedicate ai piccoli delinquenti sardi, frutto di una ricerca sulla criminalità infantile realizzata tra il 1898 e il 1903 da Mario Carrara, collaboratore di Lombroso e docente all’Università di Cagliari, insieme al medico legale Efisio Murgia, fotografo dilettante.