prodotto su commissione per Lombroso.

G. Vanetti, stampa all’albumina su cartoncino con interventi pittorici.

Quest’immagine, prodotta su commissione per Lombroso dal fotografo Giuseppe Vanetti, è stata realizzata secondo il metodo della fotografia composita galtoniana, sovrapponendo in un unico scatto le fotografie di due uomini, probabilmente criminali.

Francis Galton (1822-1911) inventa i composite portraits: una serie di fotografie di persone diverse sovrapposte l’una all’altra, allo scopo di coglierne i tratti fisici comuni e di visualizzarne una sintesi in una sola immagine.

Lombroso, che si interessa molto a questo metodo, nel 1887 segnala sulla sua rivista l’Archivio di psichiatria il testo del fotografo francese Arthur Batut La photographie appliquée à la production du type d’une famille, d’une tribu ou d’une race che contiene le indicazioni tecniche per la realizzazione dei ritratti galtoniani.

Nel 1888 Lombroso realizza alcuni ritratti compositi di crani che pubblica poi sulla sua rivista.